Senza categoria

NASCONDE IL PADRE NEL LETTO CONTENITORE MENTRE È AI DOMICILIARI, SPACCIO IN CASA PER UN PLURIPREGIUDICATO

La Polizia di Stato di Caserta ha tratto in arresto, nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un pluripregiudicato ventottenne di Caserta, già sottoposto agli arresti domiciliari per fatti analoghi.In particolare, durante un controllo dalla Squadra Volante della Questura di Caserta nel pomeriggio del 24 febbraio, il reo riferiva agli operanti di non poter aprire l’inferriata esterna alla porta di casa in quanto suo padre, con lui convivente, era uscito portando via le chiavi.Vista l’ostinazione degli agenti, il soggetto, cambiando versione, riferiva di possedere un duplicato delle chiavi e quindi si decideva ad aprire.La circostanza non sfuggiva ai “Falchi” della Squadra Mobile di Caserta i quali, appresa la vicenda via radio, si precipitavano sul posto affiancando gli operatori della Volante nel corso del controllo. Visto il nervosismo del soggetto e i suoi numerosi precedenti penali, anche specifici, si effettuava una accurata perquisizione dell’abitazione all’interno della quale veniva identificato il padre del malfattore che, rannicchiato e in silenzio, giaceva nascosto nel vano contenitore di un letto.Gli agenti, intanto, continuavano le ricerche e rinvenivano, occultato all’interno di un vano nella parete del bagno, un involucro plastico termosaldato contenente cocaina per un peso lordo di 14.10 grammi e una “lista” con nomi e cifre.Inoltre, si rinvenivano strumenti di precisione custoditi in una credenza e banconote di vario taglio per un valore complessivo di euro 730,00, occultate tra i vestiti in un armadio, di cui il soggetto agli arresti domiciliari non era in grado di fornire chiarimenti.Pertanto, il ventottenne veniva tratto in arresto ed associato presso al casa circondariale di S. Maria C.V..

CONDIVIDI

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*