Ultime notizie politica capua
AMBIENTE, ATTUALITA', CRONACA

EDITORIALE: IL SENSO DI QUASI NOVEMILA EURO PER UN DIRETTORE DELL’ESECUZIONE DEL CONTRATTO DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI, DOPO QUASI SEI ANNI DALLA STIPULA.

Sembrerebbe che il Comune di Capua, con determinazione dirigenziale n. 775 del 3 agosto del 2021, abbia provveduto ad affidare l’incarico di direttore dell’esecuzione del contratto di appalto per l’affidamento del servizio di raccolta differenziata e servizi complementari alla società piemontese Esper S.r.L, con sede legale a Torino. Siccome la notizia mi è stata confidata in forma riservata, ho cercato di capirne di più e oggi il sito istituzionale del Comune di Capua mi è apparso così…

Homepage del sito del Comune di Capua

Siccome l’afa e il caldo torrido di questa assolata giornata non mi consentono oltremodo di scervellarmi più di tanto, mi affido – pronto ad ogni eventuale smentita – alla voce assolutamente affidabile dell’amico, che mi ha segnalato la notizia dell’affidamento di cui sopra. Ricordo a me stesso che il servizio dei gestione della nettezza urbana, in convenzione con i Comuni di Grazzanise e Santa Maria La Fossa, è stato affidato nel dicembre 2015 alla società Ecologia Falzarano S.r.l. di Airola per un periodo di sette anni. Il 3 agosto del 2021, dopo la bellezza di quasi sei anni, l’ente capuano si accorge di talune inadempienze contrattuali della concessionaria del servizio. E mentre l’affidamento si avvia verso la sua scadenza, l’ente che fa? Nomina direttore dell’esecuzione del contratto di appalto per l’affidamento del servizio di raccolta differenziata e servizi complementari alla società piemontese Esper S.r.L, limitatamente al territorio capuano. Anche perché a Grazzanise e a Santa Maria La Fossa, problemi non sembrano esserci. L’incarico, a partire dal primo settembre avrà una durata di soli quattro mesi, per un totale di 8.784,00 euro, Iva compresa. Andiamo, nel frattempo, un po’ ad approfondire e ci accorgiamo che nell’organico della società Esper figura una vecchia conoscenza della politica nostrana, ossia l’ex sindaco di Camigliano Vincenzo Cenname.

Conoscendo i trascorsi, mi verrebbe davvero da gioire, soprattutto per le capacità del professionista, distintosi per un’ottima gestione della differenziata nel proprio Comune di appartenenza. Ma la domanda resta un’altra. Quale il senso di un direttore dell’esecuzione dell’appalto per la gestione dei rifiuti a quasi sei anni dalla stipula del contratto, che scade il prossimo anno? Questi novemila euro, compresivi di imposte, forse potevano pure essere risparmiati, soprattutto quando si decanta il rispetto del rigore di bilancio.

CONDIVIDI

One Comment

  1. Salvatore Raimondo

    Non conosco le qualità del dottor Cenname, ma se le inefficienze del servizio in questione non possono determinare la rescissione contrattuale del miniconsorzio creato ad arte con comune capofila Grazzanise, evidentemente la figura di un DEC che accompagni efficienza, efficacia ed economicità del servizio sino al prossimo anno non mi sembra una sciagura. In ogni caso le penalità che possono essere applicate alla ditta affidataria del (dis)servizio che, guarda caso, risulta efficientissima nei Comuni di Grazzanise e Santa Maria la Fossa, potranno ampiamente ripagare il costo dell’incarico.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*