CRONACA

Capua. Sequestrati dalla Guardia di Finanza oltre 800mila euro destinati alle casse del Comune di Curti.

Indagati tre amministratori della società concessionaria dell’ente per la riscossione dei canoni per i servizi di depurazione e fognatura.

I finanzieri della Compagnia di Capua, coordinati dal capitano Angela Piscitelli, hanno eseguito – nel corso della giornata di oggi – un decreto di sequestro preventivo per oltre 800.000 euro, emesso dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della locale Procura.  Nei guai tre soggetti, due uomini e una donna, uno originario del Napoletano e due di Curti, che – negli anni tra il 2010 e il 2016 – si sono succeduti alla guida della Conocchia Multiservizi S.r.l., società concessionaria dell’attività di riscossione nello stesso Comune di Curti.

I responsabili – ciascuno per la propria attività di gestione – sono accusati di aver trattenuto indebitamente nelle casse della stessa società somme che, invece, avrebbero dovuto essere trasferite all’ente municipale a titolo di canoni per la fornitura del servizio di depurazione e fognatura, determinando così – ai danni del Comune – un ammanco di oltre 808 mila euro. Agli indagati, S.N.,48 anni, M.P.M., 40 anni (la donna), e P.Di.G., 57 anni, sui quali pende la grave accusa di peculato, sono state attribuite sottrazioni illecite per i rispettivi importi di 444.503 euro, 149.948 euro e 213.728 euro.

CONDIVIDI

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*