CRONACA

ALTRO FURTO REALIZZATO AI DANNI DELLA COOPERATIVA APEIRON, 80MILA EURO DI DANNI IN TRE MESI.

Pignataro Maggiore. Non si arresta la spregevole serie di furti perpetrati ai danni della cooperativa sociale Apeiron, impegnata dal 2008 nella gestione di beni confiscati alla criminalità e all’attivazione di percorsi di reinserimento socio – lavorativo. La società, in un post pubblicato su facebook, punta il dito contro la camorra, ritenuta responsabile dell’ennesimo atto intimidatorio perpetrato ai suoi danni, e chiede nel frattempo un incontro con il prefetto e l’intervento della magistratura. “Siamo stanchi – è riportato nella nota divulgata sul social network – questo è il terzo furto a 100 Moggi negli ultimi mesi. Siamo arrivati a quasi 80mila euro di danni”. Solidarietà è stata espressa, oltre che da tanti cittadini e da esponenti di movimenti culturali del territorio, anche dall’associazione “Le Piazze del Sapere. “Partendo da questa vicenda – ha dichiarato il referente del sodalizio Pasquale Iorio – ribadiamo la proposta di organizzare un incontro per approfondire e verificare l’esperienza, nota a livello nazionale ed europeo come “modello Caserta”, di uso sociale e produttivo dei beni “liberati”, grazie a cui in territori difficili come il nostro si possono creare nuove condizioni di riscatto civile, fondate su produzioni ed imprese di carattere sociale. Tale iniziativa si può svolgere a settembre a Caserta con la partecipazione di enti ed istituzioni, in primo luogo con il coinvolgimento dei comuni interessati, del consorzio Agrorinasce, delle forze sociali ed imprenditoriali, del mondo del terzo settore e del volontariato.”

CONDIVIDI

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*