ATTUALITA', NAZIONALI

RISVOLTI NELLE INDAGINI AVVIATE DOPO LA MORTE DI LIBERO DE RIENZO, IL “SIANI” IN FORTAPASC

Ci sono novità importanti sul fronte delle indagini avviate dopo la morte dell’attore napoletano Libero De Rienzo, 44 anni, trovato senza vita nella sua abitazione il 15 luglio. Sulla sua morte, avvenuta per arresto cardiocircolatorio, la Procura di Roma ha voluto vederci chiaro. I carabinieri, all’esito di articolate indagini, compreso anche il riscontro di tabulati telefonici, hanno generalizzato ed individuato lo spacciatore che, il giorno prima, aveva consegnato dosi di eroina al quarantaquattrenne, artista poliedrico noto per impeccabili interpretazioni cinematografiche. In manette è finito uno straniero originario del Gambia, conosciuto negli ambienti della droga con lo pseudonimo di Ali’. È stata proprio l’analisi dei tabulati telefonici a confermare la presenza del pusher in prossimità dell’abitazione dell’attore nel pomeriggio del 14 luglio. Lo straniero è stato raggiunto nel quartiere di Torre Angela e sottoposto in stato di fermo. Sorpreso a spacciare sostanze stupefacenti, Ali’ è stato arrestato insieme ad un connazionale, nel cui appartamento – a seguito di perquisizione – sono stati trovati 7, 7 grammi di eroina. Agli investigatori, lo spacciatore avrebbe dichiarato di aver assunto sostanze stupefacenti insieme all’attore napoletano. Una tesi che, al momento, poco convince.

CONDIVIDI

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*