SPORT

NELL’ATLETICA, COME NEL CALCIO, L’ITALIA TRA LE BIG

Medaglia d’argento per Vanessa Ferrari nella ginnastica artistica alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Alla sua quarta competizione olimpionica, l’atleta – trentenne – ha chiuso la finale del corpo libero con il punteggio di 14.200, al secondo posto dietro la statunitense Jade Carey. Molta soddisfazione, ieri, per i due ori olimpici conquistati dagli azzurri in un quarto d’ora! I dieci minuti che hanno cambiato lo sport italiano sono cominciati alle 21:42 di Tokyo, quando l’arbitro ha chiamato Gianmarco Tamberi e il campione del Qatar, Mutaz Barshim, fermi a quota 2,37 m e ormai irraggiungibili nella sfida per l’oro del salto in alto: spareggio o ex-aequo? Uno sguardo fra i due e la vittoria condivisa è stata immediata, travolgente. Trascorrono poco più di 600 secondi e alle 21:53 partono i 100 metri, i primi della storia olimpica con un italiano ai blocchi. Un ragazzo che i media stranieri definiscono “arrivato dal nulla”, nato a El Paso e cresciuto a Desenzano del Garda, in provincia di Brescia, fa con le mani il segno del corridoio diritto davanti a sé. Gli occhi guardano diritto, verso il traguardo. Parte ed al traguardo sono 9 secondi e 80″, nuovo record europeo. Un’Olimpiade fin qui piena di polemiche e preoccupazioni, tante medaglie ma pochi ori per l’Italia, fino a ieri per entrare di  dritto nella e storia sull’ Olimpo . Il mondo scopre che sono italiani l’uomo più veloce e quello che salta più in alto, come li celebra subito il presidente del Coni, Giovanni Malagò, giustamente commosso. Il mondo non scopre soltanto i record e le medaglie, apprende anche che queste sono le vittorie di un’Italia di giovani diversi, di un’Italia nuova, che rinnova i fasti di Pietro Mennea e Sara Simeoni in una versione millennial. In cui i confini del Belpaese arrivano fino al Texas, in cui le vittorie azzurre si celebrano esultando insieme all’amico del Qatar con il quale si sono condivise sfide e speranze. Tamberi e Jacobs, Gimbo e Marcell uniti in un abbraccio dentro la bandiera: “era il mio sogno da bambino, ho corso più che potevo” sono le prime parole del “lampo” Jacobs, mentre Tamberi dopo aver pianto davanti a quello che resta del gesso che gli immobilizzò la gamba, scherza con l’amico ex-aequo Barshim. Che sintetizza: “Two is better than one”, due è meglio di uno. 

CONDIVIDI

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*