ECONOMIA

AUMENTO DELLE BOLLETTE CONTENUTO CON IL DECRETO “TAGLIATARIFFE”, MA POSSIBILI NUOVI RINCARI IN AUTUNNO

Da inizio luglio le bollette per gli italiani saranno salate, ma meno del previsto grazie all’intervento dello Stato con il decreto “tagliatariffe” approvato il 30 giugno 2021.

Ebbene, con il “tagliatariffe” il governo ha contenuto il rincaro in bolletta pari al  20% in meno, un ristoro momentaneo per le tasche degli italiani.

Facciamo alcuni esempi: -10% sulla bolletta della Luce e Gas, -15% su quella del Metano.

Intanto continuano a crescere i listini internazionali del carbone del petrolio, del metano, con prezzi stellari, spinti da forti segnali di ripresa economica su tutta l’Euro-Zona.

Ricordiamo che a regolare i prezzi in bolletta in base all’andamento dei mercati è l’AREA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente),I prezzi sono regolati fino al 1° di Settembre e, quindi, è possibile che nel trimestre ottobre, novembre, dicembre ci potrà essere un nuovo aumento. 

Alcuni economisti sono contrari con i continui aumenti dei prezzi delle materie energetiche, in quanto frenano le riprese economiche, aumentano i costi di gestione e i servizi offerti delle piccole aziende. 

CONDIVIDI

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*