CULTURA

RUBRICA. DILLO CON UNA POESIA…

Valeria Davide


PROCIDA

Quanno se sceta ‘o Sole

ncoppo ‘a Chiaiolella

s’appicce ogni juorne

‘mmiezo ‘o mare ‘ na stella.

Se chiamma Procida

chesta piccerenella

‘a terra dà culture

addó’ ‘o tiempo s’è fermato

‘ncoppo ‘e mmura.

Quanno arrive ‘o puort d’’a Curricella

trase dint’ ‘a tela e ‘nu quadro antico:

pennellate ‘e culure

‘ncoppo a sti casarelle,

ca tutte abbracciate

scennene a mare allère

comme ‘e criature

‘Nu filo ‘ e viento smove ‘e panne spase

mmiez ‘e viche stritte,

addó sulo ‘o silenzio suspira

comme a ‘na varchetella a vela

‘ncopp a ‘na tavula ‘e cielo.

Addore ll’ aria ‘e ginestre e limune

e dint a stu schizzo ‘e paraviso

l’ anema se spoglia annura

e s’addorme ‘ncoppo all’acqua

comm’ ‘e rezze de’ piscature.

E guardanne’ stu pezzullo ‘e terra’ ncantato

se regne’ o core chianu chianu,

nun vulisse cchiú partì

pecché già’ te siente’ nnammurato.

CONDIVIDI

2 Comments

  1. Giovanni Farina

    Complimenti. Molto evocativa. Leggera come un alto di vento che sale dal mare

  2. Bella, si avverte quel certo non so che.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*