CULTURA

IL SACCO DI CAPUA: A 520 ANNI DI DISTANZA UNA FERITA ANCORA APERTA NEL CUORE DEI CAPUANI.

IL 24 LUGLIO MESSA E PIOGGIA DI PETALI NEL VOLTURNO, PER RICORDARE LE VITTIME DELLA STRAGE. 

Il Sacco di Capua è uno degli eventi più tristi e cruenti della storia della nostra città. Il 24 Luglio del 1501, Cesare Borgia, detto “il Valentino”, con un vile inganno, si introdusse in città e trucidò uomini, donne e bambini. Si racconta che non sopravvisse quasi nessuno e che le vittime furono talmente tante, che il Volturno, in alcuni punti, divenne rosso a causa della grande quantità di sangue che venne versato. A ridosso della tragedia nacque una Arciconfraternita, che ancora oggi si occupa di tenere vivo il ricordo di quei giorni, l’Arciconfraternita di “Maria Santissima delle Grazie”. Sabato 24 Luglio, in occasione dei 520 anni dall’accaduto, come ogni anno, l’Arciconfraternita ha organizzato una serie di eventi legati al Sacco. Alle 18:00 si terrà una lettura di brani che testimoniano la strage e alle 19:00 sarà celebrata una messa in suffragio delle vittime. Subito dopo,  ci sarà una pioggia di petali di fiori nel Volturno, in ricordo del sangue innocente versato.  

CONDIVIDI

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*